mercoledì 29 luglio 2009

Suzuki Marauder 125 e 250



Opinioni degli utenti, tratte dal sito: autociao (mod. 125)

La Suzuki Marauder 125 è stata la mia prima moto. Inizialmente ero scettico sulla superiorità (in termini di guida) di una moto rispetto ad uno scooter: dopo due anni di Piaggio Liberty ero convinto che gli unici vantaggi di una moto risiedessero nell'estetica. Adesso, dopo quattro anni e due diverse custom, mi sono completamente convertito, e non tornerei allo scooter nemmeno se me ne regalassero uno; piuttosto lo venderei per comprare una moto di seconda mano. Passiamo ora al Suzuki Marauder 125.

Dati tecnici

Questi sono i dati riportati dalla scheda tecnica di moto.it: Moto: Suzuki
Modello: Marauder GZ 125 Costo del bollo: Euro 26 /
anno Prodotta dal 1998 al 2003
Tempi: 4
Cilindri: 1
Cilindrata: 125
Cavalli: 11 a giri: 9000 KWatt: 7,5
Marce: 5
Freni: D-T
Misure cerchi (ant./post. in pollici): 16-15
Velocità (km/h): 100
Peso: 137
Lunghezza: 2170 Larghezza: 820 Altezza: 685 Capacità serbatoio: 14

------------

Altre opinioni
I vantaggi di questa moto sono molteplici. La linea è sobria ma elegante, con il motore in bella posa visibile da entrambi i lati e anche dal frontale, non essendo presente alcun radiatore (il raffreddamento è ad aria, ed è dato dalle alette del motore). Dal singolo cilindro esce il tubo di scappamento, che con una sinuosa curva larga porta alla marmitta, di forma conica e dimensioni generose. Quest'ultima, non avendo anima in ceramica, tende a scaldarsi eccessivamente; bisogna quindi prestare attenzione a non scottarsi toccandola, e il passeggero deve stare attento a non poggiarvi il tacco della scarpa, cosa abbastanza facile data la breve distanza che separa la marmitta dal pedalino.
Il manubrio, a forma di "corna" nel più puro stile custom, è agganciato al telaio anteriore tramite manette zigrinate, la cui tenuta è garantita da quattro viti a brugola; questo rende possibile regolarne l'inclinazione a piacere, senza bisogno di ricorrere ad un meccanico. L'angolo massimo di sterzata è incredibilmente ampio; è pertanto possibile effettuare manovre ardite anche in spazi angusti, e le operazioni di posteggio sono agevolate. La strumentazione, montata direttamente sul telaio, è piuttosto povera; l'unico indicatore presente è il tachimetro, segnato da 0 a 100 Km/h; un contagiri non avrebbe guastato, ma le caratteristiche del motore rendono possibile una guida ottimale anche senza poter controllare il numero di giri. Sono inoltre presenti tre spie di diverso colore: l'indicatore delle frecce (unico), la spia degli abbaglianti e quella del folle (Neutral). Ai lati del manubrio sono applicati due bilancieri di equilibratura, anch'essi rimovibili. La posizione dei controlli è studiata al fine di minimizzare gli spostamenti delle dita durante la guida, e tutti i tasti sono facili da trovare ed utilizzare.La posizione di guida è un capolavoro di comodità. Le gambe si distendono a 45° nel prendere posto attorno al serbatoio, la cui curvatura morbida elimina l'inconveniente dell'urto all'inguine in caso di brusca frenata. La sella, in morbida pelle e imbottita, rende piacevole la guida anche su lunghe distanze. Il sellino del passeggero, pur essendo di dimensione inferiore, non deficita in comodità. Da notare l'assenza di maniglie a cui aggrapparsi, fatta eccezione per una robusta striscia di pelle, la cui posizione (è posta a cavallo tra il sellino del guidatore e quello del passeggero), tuttavia, ne rende scomodo l'utilizzo.
Un punto a sfavore va assegnato per la velocità del veicolo. La scheda tecnica riporta 100 Km/h come velocità massima, e la media si aggira attorno agli 80. Questo viene compensato da un consumo medio che si aggira attorno ai 30-35 Km/l; unito alla generosa capacità del serbatoio, rende possibile dimenticarsi del problema carburante per lunghi periodi. Anche guidando a regimi abbastanza alti, i 400 chilometri a serbatoio pieno sono garantiti.

Altro fattore negativo è costituito dal prezzo e dalla reperibilità dei materiali di ricambio. Una sola delle frecce laterali ha un costo di ben 70 euro (lampadina non inclusa), e altrettanto costa il filo della trasmissione del tachimetro. Il disco del freno anteriore costa 180 euro, e non è reperibile in Italia; è necessario farlo spedire dal Giappone, con tempi medi di consegna attorno ai 25-30 giorni, e non è nemmeno possibile utilizzarne uno compatibile, perchè la particolare forma conica lo rende unico e introvabile. Ciononostante, la robustezza e la qualità dei materiali impiegati minimizza la necessità di sotituirli, salvo in caso di incidente.
Lo spazio disponibile è minimo, e si riduce ad un vano di ridotte dimensioni, collocato sotto la sella e adatto a riporre un bloccadisco, i documenti del veicolo e un kayway opportunamente piegato. L'apertura del vano è protetta da una serratura che utilizza la stessa chiave dell'avvio.Il rumore prodotto dal motore è di suono piacevole, ricorda alla lontana il tipico rumore delle Harley Davidson. L'ampio raggio delle ruote aumenta la stabilità del mezzo, e rende possibile guidarlo nel traffico cittadino come se fosse uno scooter. La frizione è morbida, a bagno d'olio, e la sua lunga corsa rende sufficiente una leggera pressione per cambiare le marce. Il pedale del cambio, situato come di consueto a sinistra, è anch'esso morbido e non stanca il piede; lo stesso dicasi per il pedale del freno, situato a destra.


Credo che non ci sia altro da dire. Nel complesso si tratta di una moto senza pretese, elegante nell'aspetto e tranquilla nelle prestazioni, adatta a chi inizia o vuole iniziare a provare questo nuovo stile di guida su due ruote. Un giorno una ragazza chiese ad un mio amico: "Come puoi dire di essere un filosofo e contemporaneamente di amare le moto?"
Rispose lui: "Guarda che la moto E' una filosofia!"
EDIT: il prezzo segnato in fondo è relativo ad un acquisto di seconda mano, per il prezzo corrente del nuovo e la valutazione dell'usato potete consultare http://www.moto.it/

----------------------------

HO ACQUISTATO CIRCA TRE MESI FA QUESTO MODELLO DOPO AVER PONDERATO E PARAGONATO QUESTA MOTO AD ALTRE DELLA SUA CATEGORIA E LE IMPRESSIONI CHE HANNO MOTIVATO LA MIA SCELTA SI SONO RIVELATE GIUSTE. IL GZ è UNA MOTO CHE TIENE BENE LA STRDA SICURA E MANEGGEVOLE ANCHE SE IN QUANTO A RIPRESA DEL MOTORE LASCIA UN PO A DESIDERARE , I SUOI CONSUMI SONO MINIMI INFATTI SI TOCCANO I 35 KM A LITRO NON è MOLTO RUMOROSA .TROVO CHE SIA ADATTA A QUELLE PERSONE CHE SI AVVICINANO AL MONDO DELLE 2 RUOTE PROPRIO PER LE SUE CARATTERISTICHE STRUTTURALI .RISPETTO AD UNO SCOOTER DI PARI QUALITà TROVO CHE QUESTA MOTO SIA DI MOLTO SUPERIORE SIA COME SICUREZZA CHE COME COSTI.

-------------

La Suzuki Marauder è stata la moto che mi ha fatto passare l'esame della patente A .All'inizio ero molto scettico sulla sua presunta facilità di guida (avevo sempre e solo guidato scooter) a causa delle sue maggiori dimensioni rispetto al classico Booster , poi , imparando a usare il cambio manuale e ad andare in strada , si è rivelata molto buona per un neopatentato . Le marce si innestano facilmente (tranne quelle poche volte in cui , tra la prima e la seconda , entra il folle) e per girare talvolta non serve nemmeno girare troppo il volante (te lo credo , barcone come è) , tant'è che ho fatto la prova dello slalom al primo colpo anche con marce più alte (l'istruttore diceva di farlo solo in prima)
Ora la sto cercando usata (in commercio c'è solo 250 e 800) .

---------------------

ragazzi che moto!!!!!devo dire che mi trovo benissimo con la mia marauder 125..........e svelta e maneggevole(io arrivo da uno scooter....)l'ho pagata 1000 euro usata ma e raro trovarla a cosi poco.....e da preventivare almeno 1500 o 2000.......e fatta davvero bene,ha una estetica veramente custom ed e comoda! ha un rumore incredibile......da vera custom....cambiando gli scarichi diventa un harley.....(io non l'ho fatto perchè costa....)tiene quasi 15 litri di benzina....percorrenze alte.......niente difetti salvo la difficoltà a trovarla!consigliata a chiunque io ho 16 anni!


Tratto da Motorbox
http://www.motorbox.com/Moto/Schede_Spot/1792.html

Il nome e le forme sono quelli delle grosse cruiser di casa Suzuki. Gomme panciute, assetto comodo e tante cromature, fanno delle “piccole”

La 125 si guida a 16 anni, con la 250 si può andare in autostrada. Economiche e robuste.
La 125 è offerta a un prezzo accettabile, ma l’affare lo si fa con la 250 che costa solo poco di più e offre prestazioni più concrete. Un’alternativa allo scooter.
-
Com` è
Il motore monocilindrico 4 tempi è un esempio di semplicità, ma è l’ideale per una moto del genere. Non manca l’avviamento elettrico. Telaio e sospensioni sono in linea con lo stile classico delle cruiser. Le forme sono importanti, le Marauder 125/250 dimostrano più della cilindrata effettiva. Finiture curate.
-
Come va
Non sono moto potenti, ma per andare a spasso non servono chissà quanti cavalli. Il piccolo 125 è regolare e dolce nell’erogazione, ma per muoversi bisogna tenerlo su di giri. Un po’ più pieno il 250, la cubatura doppia aiuta, soprattutto in vista dell’uso autostradale. I consumi sono da scooter. Comode anche con il passeggero, in questo caso si vorrebbe però qualche cavallo in più.
-
Pro
Motori affidabili ed economici, impostazione comoda.
Contro
Prestazioni.


Opinioni tratte dal forum Motoclub (versione 250)

Ciao a tutti! Anch'io ho una gz 250, e devo dire che mi sono trovato molto bene!! Unica - per così dire - pecca sono le prestazioni in velocità, ma sinceramente.....siamo bikers! Se volevo correre mi prendevo un cbr e andavo a misano...
-------------

la Marauder è un'ottima piccola moto, con un'impostazione da cruiser e non custom "appollaiata", che consente ad esempio di stringere il serbatoio tra le ginocchia così da "sentire" il veicolo quando lo si guida tra le curve. il motore è un gioiellino di affidabilità e non vi lascerà mai a piedi, consumando un'inezia. solo l'olio mi pare ne prenda...tipo 92grammi ogni 1000 km, ma devo ricontrollare i dati (se 92 gr sono tanti o pochi non so...il mio propulsore è quello della Suzu DR 350, e come consumo di lubrificante siamo lì lì...un etto ogni mille chilometri). buone passeggiate e complimenti per le moto (a me piacciono un sacco le moto leggere!!!).
---------------
Sull'affidabilità del motore avrei qualche riserva, mi ha lasciato a piedi diverse volte di cui una in autostrada per un contatto elettrico! Assemblaggio spagnolo....per il resto tutto vero, fa i 30 km/l!
---------------
io diciamo ancora non l'ho provata al meglio tutta via è decisamente una moto adatta alle mie necessità il motore è allegro senza eccedere un ottimo sprint e raggiunge velocemente le velocità da 0 a 100, per il resto la posizione estremamente comoda e l'altezza da terra la rende semplice da guidare. Su strada rimane incollata, un problema che ho avuto sono le pasticche che mi danno una vibrazione e un rumore fastidioso (vi faccio sapere una volta sostituite). Per il resto vi terrò aggiornati man mano che la provo
------------

... sono il primo pirla che è stato mollato 5 volte su un tragitto di 70km? ... e la cosa perdura
----------------
No sei il secondo...sarà l'assemblaggio spagnolo e non giapponese di questa moto, ma ne ho viste di tutti i colori anch'io!
------------
ciao ragazzi, voglio provare anch'io a scrivere su questo forum. ho una mara da dieci anni e mi trovo ancora molto bene,l'idea del raduno mi frulla in testa già da un po.
------------


Ciao a tutti. Sto avendo ormai da un mesetto un grandissimo problema col mio Marauder GZ250 La moto a freddo è perfetta. Il problema avviene a moto avviata e dopo diversi km, anche 20 o 30. Quasi mai prima. Quindi direi a moto ben calda. Succede questo: all'improvviso, in 5^ marcia, la moto si ferma completamente e si spegne. Ai primi tentativi di riavvio sento un rumore secco dal motore (un "TOC" parecchio forte) e la moto non si accende. Devo lasciarla "in pace" qualche minuto (2 o 3 minuti bastano), perchè possa riaccendere e tornare in marcia. Dopodichè tira ancora parecchi km, fino a nuovo spegnimento! Sono parecchio sconsolato, perchè è già stata nell'officina Suzuki della mia città, dove NON HANNO TROVATO NULLA DI ANOMALO e me l'hanno resa (hanno solo pulito motore, candela e fatto controlli). Mi hanno detto che la moto è in perfette condizioni CHE DIAVOLO E' ? E' chiaro che -appena avrò tempo- gliela riporterò lamentandomi del fatto, ma non vorrei dover buttare via il mio "gioiellino" per una qualche cazzata che non riescono ad identificare.
Sono al momento parecchio sconsolato...

----------
Deve essere la carburazione... magra di carburazione
-----------
Ti ringrazio. Era quel che pensavo anche io, leggendo un pò in giro i forum tecnici. Era quel "TOC" che mi lasciava pensiero... e soprattutto -spiegato per filo e per segno il problema ai meccanici - mi sono fidato che ci pensassero LORO! Col piffero Il carburatore mi sa che non lo hanno neanche sfiorato. Costa? La ricarburazione?
------------
La tua osservazione è giusta nel caso in cui il motore fosse 2t (lubrificante miscelato col carburante). Il Marauder invece è un 4 tempi, per cui la lubrificazione avviene tramite apposito circuito che non ha nulla a che vedere con quello di alimentazione. Tornando al problema di verbal_666 è piuttosto singolare. Così su due piedi ti avrei suggerito di controllare le bobine di alta tensione che col calore si possono dilatare e generare falsi contatti, però quel TOC del motore mi farebbe escludere quel problema. Ti consiglio se la moto non è in garanzia di portarla da qualche altro meccanico in gamba.
-------------
Secondo me potrebbe essere un falso contatto dovuto ad una connessione elettrica difettosa, posta in una posizione soggetta al surriscaldamento, che fa falso contatto quando la moto scalda. In alternativa potrebbe essere la classica "calda", cioè quando il motore si surriscalda eccessivamente. Se non sbaglio il tuo 250 non ha alcun tipo di raffreddamento forzato, (di tipo a liquido, ad acqua o ad olio) ma solo aria, con le alettature che fungono dadissipatore di calore. Questo, assieme magari ad una carburazione troppo magra, che porta al surriscaldamento, e viste le giornate torride, tirando per un po' il motore.... Se la carburazione è magra dovresti sentire degli scoppietti allo scarico in rilascio di acceleratore. (e non c'entra la lubrificazione, che riguarda solo i 2T!!!!) E se così fosse sarebbe logico sentire anche un tok al motore, dovuto al repentino raffreddamento degli organi interni a motore spento. Il livello olio è fondamentale in questi casi, da controllare sempre. Altra possibile causa potrebbe essere una scorretta lubrificazione delle valvole, ma il rischio sarebbe di grippare le valvole stesse, e probabilmentesarebbe già successo
--------------
oggi comunque alla suzuki mi hanno detto che la carburazione l'avevano già controllata durante il check fatto... mi ha detto che, probabilmente, potrebbe anche trattarsi di un problema elettrico e precisamente alla bobina!!! in settimana comunque gliala lascio giù e se la vedono... tanto non ho fretta (anche se dispiace perdersi queste belle giornate, ma mi rifaccio con la nuova micra c+c )...
scoppiettii ne sento una volta ogni 500km (tipo dei piccolo boom dalla marmitta), ma mi sembra di aver capito si tratta di condensa di carburante che "esplode"... succede invece (ogni tanto) che la moto perde giri, molto di rado ultimamente, ma ancora succede: praticamente sto tirando la 3^ o la 4^, se non la 5^, e sento il motore che "perde colpi" e va giù... è molto veloce, devo scalare e accelerare per tornare a pieno regime...

----------
Caro verbal_666!!! Ho avuto la tua stessa identica moto e anche io ho avuto gli stessi identici problemi.... Anche a te quando si ferma giri la chiave e non si accendono le luci e non gira il motorino d'avviamento?

1 commento:

Hamdi Chouchan ha detto...

ciao.Quale la differnza tra suzuki marauder honda rebel???grazie